LA CROCIERA NERA

di Luciano Bovina

  • Durata: 10′ 27″
  • Produzione: anno 1988

Buona visione

TREBBIATURA A SANT’AGATA BOLOGNESE

di Luciano Bovina

  • Durata: 2′ 49″
  • Produzione: anno 2017

Buona visione

 

ALASKA E CANADA

di Luciano Bovina

  • Durata: 42′ 54″
  • Produzione: anno 2018

Buona visione

 

NORDKAPP

di Luciano Bovina

  • Durata: 11′ 13″
  • Produzione: anno 1987

Buona visione

 

GLI ODORI DELL’INDIA

di Luciano Bovina

  • Durata: 41′ 19″
  • Produzione: anno 2007

Buona visione

 

WAORANI

di Luciano Bovina

  • Durata: 7′ 54″
  • Produzione: anno 1995

Buona visione

 

ETIOPIA

di Luciano Bovina

  • Durata: 10′ 53″
  • Produzione: anno 2004

 

Buona visione

 

NORTHERN LIGHT

di Luciano Bovina

  • Durata: 6′ 06″
  • Produzione: anno 2020

Buona visione

 

GENTE DI CUBA

di Luciano Bovina

  • Durata: 26′ 34″
  • Produzione: anno 2013

 

Ho percorso strade su strade, ho tracciato nuovi sentieri, per cento mari ho salpato e a cento approdi son giunto. In ogni Paese ho veduto gente che lavora i suoi quattro palmi di terra, gente che gioca, gente che danza fin quando si può. Non conoscono fretta neppure nei giorni di festa e bevono vino se han vino, se non han vino acqua fresca. Buona gente, gente che vive, che lavora, che soffre e… che sogna ( Buona visione ).

 

AUSTRALIA ALL OVER

di Luciano Bovina

  • Durata: 39′ 45″
  • Produzione: anno 2014

 

Descrivere l’Australia non è facile, come non è facile spiegare certe emozioni che questa terra riesce a imprimere nell’anima. Come tutti i nuovi mondi che ho visto, devono essere vissuti prima di essere spiegati, perché è proprio questo che anche  l’Australia richiede.

Essere vissuta a bordo di una barca a vela,  vissuta sotto l’Opera House, vissuta percorrendo piste dai rettilinei lunghissimi, vissuta nelle splendide acque dei suoi mari, immersi nella dolcezza di una estate che non ha mai fine.

Quando non è la storia a formare una civiltà  lo fa la geografia. La sua storia è troppo breve, le sue tradizioni troppo poco radicate, il suo tempo è il presente. L’espressione dello spirito Australiano è dato dai suoi deserti indefiniti,  dai suoi cieli sempre tersi, dalla giovinezza delle sue città,  dalla grandiosità dei suoi mari.

E’ in questi mondi che vivono le sue genti: nei contrasti di questa immensa isola. Grande come l’Europa ha soli 24 milioni di abitanti. Non si può generalizzare l’Australiano moderno di Sydney  o quello dimentico del deserto, delle migliaia di immigrati  o degli Aborigeni delle riserve.

Le grandi distanze che sembrano separarli sono proprio ciò che li unisce:   E’ la loro Terra.